DOWNLOAD GRATUITO DEI TESTI DELLA COLLANA

E’ possibile acquistare i testi a STAMPA su AMAZON.IT, cliccando sul logo

LA RESURREZIONE DEI MORTI
La Resurrezione dei morti – Volume primo

La Resurrezione dei morti – Volume primo

Serie: LA RESURREZIONE DEI MORTI, Book 1
Genere: Religione

Nessun aspetto dell'AL DI LÀ occupa un posto così importante nell'insegnamento religioso dei rabbini quanto la dottrina della resurrezione. Divenne per loro un articolo di fede, la cui negazione era condannata come peccaminosa: “Chi ripudia la credenza nella resurrezione dei morti, non avrà parte nella resurrezione” (Sanh., 90 a).

[...]

La Missione Cristiana "completa" il Disegno storico del Santo Redentore di Israele, Dio degli Eserciti, Disegno che conduce alla Salvezza le Pecore smarrite della Casa di Israele e tutti gli uomini che amano il bene e odiano il male e che camminano col cuore puro nella fede.

 

Altre informazioni →
cquista da Amazon
La Resurrezione dei morti – Volume secondo

La Resurrezione dei morti – Volume secondo

In principio era il Verbo,

In principio Bereishit all'inizio della creazione ogni cosa fu creata tramite il soffio, l'alito di Dio.
Il Verbo vuol dire parola.
L'ebreo potrebbe ragionare nel seguente modo: "Dio, Benedetto Egli sia, che può tutto non ha bisogno della parola poiché Dio può tutto".
Possiamo rispondere a questo ragionamento che il termine Verbo-parola viene spiegato come Disegno di Dio.
Le cose che furono stabilite prima che il mondo fu in quanto tutto doveva essere guidato dal Trono della Gloria con l'equilibrio sulla terra, e non si crea più confusione come al tempo di Gesù intorno ai termini "Messia, Redentore, Figlio dell'Uomo...", furono create dalle acque superiori ciò vuol dire nei cieli superiori nella terra stillante latte e miele. È un luogo di nuvole di luce formato da latte e miele la di cui sostanza non è la stessa che si trova nel mondo fisico.
Questo serve per capire senza cadere nell'errore di immaginare.
In questo momento ci mostrano in visione il miracolo del Mar Rosso e la scritta: E CREDETTERO IN DIO E IN MOSÈ SUO SERVO.
L'anima del Giusto seduto sul Trono della Redenzione colui che guida la Terza Redenzione Finale è l'anima di Mose, nostro Maestro.
Giovanni nel momento in cui vide il Verbo, vide il Trono della Gloria; ecco l'espressione "E tutto fu fatto per mezzo di lui", fu fatto per la Missione Messianica portata sulla terra tramite la quale dovevano passare le genti. [..]

Altre informazioni →
cquista da Amazon
La Resurrezione dei morti – Volume terzo

La Resurrezione dei morti – Volume terzo

Serie: LA RESURREZIONE DEI MORTI, Book 3
Genere: Religione

Guardando indietro all’Olocausto, chi avrebbe creduto durante la Seconda Guerra mondiale che si sarebbero avverate le parole dei profeti con la fondazione dello Stato di Israele? Eppure è accaduto immediatamente dopo. Allo sguardo comune, nessuno avrebbe potuto prevederlo; per
lo sguardo che penetra i segreti del mondo, della natura e i segreti della Torah, la realtà è molto diversa: tutto questo è stato gestito. Dagli inizi degli anni ’80 si è entrati in una fase ancora diversa, si è entrati nel periodo della Redenzione. In questa fase c’è il permesso di portare alla conoscenza del mondo alcune delle cose che fino ad oggi sono state tenute segrete.
I gruppi, le associazioni, i movimenti che sono attivi e meritoriamente, a vario titolo, si occupano della Ricostruzione del Terzo Tempio a Gerusalemme, devono sapere che questi eventi sono il risultato di un lungo, costante, difficile e faticoso lavoro segreto per far scendere sulla terra gli influssi acchè oggi si possa parlare in termini reali di Ricostruzione del Terzo Tempio in
Gerusalemme.
È una grande soddisfazione per il lavoro fin qui svolto, assistere al fermento ed all’entusiasmo che spingono molti a prendere posizioni ferme e decise sulla ricostruzione del Tempio, affermando il diritto del popolo d’Israele alla sua costruzione, preparando affinchè sia tutto già disponibile
nel più breve tempo possibile al momento della costruzione e investendo tempo e risorse nel comunicare a quanti più si può la necessità della ricostruzione.

Altre informazioni →
cquista da Amazon
La Resurrezione dei morti – Volume quarto

La Resurrezione dei morti – Volume quarto

Serie: LA RESURREZIONE DEI MORTI, Book 4
Genere: Religione

Dal momento in cui le dieci tribù cessarono il loro servizio al Tempio e cominciarono a portare i loro sacrifici agli Altari di Dan e di Ber Sceba non passò molto tempo perché essi arrivassero a deviare dalla pura fede ed a dimenticare i Comandamenti del D-o del Sinai.
C’è qui un punto importante che, una volta capito, può essere di aiuto sia agli ebrei che ai cristiani per capire le radici del loro conflitto che deve essere ora risolto.
Sia Giuda che Israele avevano peccato contro Iddio. Entrambi vengono avvertiti ed ammoniti ed infine letteralmente distrutti dalle parole dei Profeti.
Entrambi erano caduti nelle trappole dell’idolatria e si erano comportati male agli occhi di D-o, commettendo ogni tipo di abominazione possibile.
Giuda non era migliore di Israele. Tuttavia la promessa fatta da D-o a Giuda dovette adempiersi perché Iddio mantiene le sue promesse. All’epoca in cui, sotto il Regno di Geroboamo figlio di
Nevat, le dieci tribù di Israele ruppero i rapporti con il Tempio, esse ebbero le dovute giustificazioni per odiare la Casa di Davide.
Perché furono costrette a pagare altissime tasse per mantenere le "prostitute" del re Salomone? Il vero male è incominciato da Giuda, non dalle dieci Tribù. L’ira di Geroboamo, però, ha fatto
sì che le dieci Tribù arrivassero all’altro estremo, quello cioè di non riconoscere il Santuario che Iddio aveva proclamato come Suo.
La storia degli uomini è amara ed ingiusta, ma la parola di D-o sarà compiuta. Da quel conflitto possiamo osservare un parallelo con quello che sarebbe stato il seguente conflitto fra Giudaismo e Cristianesimo. L’ebraismo dei Dottori della Legge, ai tempi di Gesù, si trovava ad un livello morale bassissimo. La verità è che i Dottori della Legge non ebbero sufficiente merito per poter  pprezzare la giustizia che Gesù insegnò. Che il loro comportamento era basso e odiato da D-o è verificato dagli avvenimenti storici che seguono la distruzione del Secondo Tempio e l’inizio del lungo
esilio degli ebrei dispersi per il mondo. Quando, però, il Cristianesimo a causa del rifiuto da parte dei Dottori della Legge di riconoscere la Missione di Cristo, si distaccò dal  Giudaismo tradizionale per opera di Paolo di Tarso, esso in poco tempo cominciò a deviare dai principi basilari della pura
Fede monoteista e cadde nella trappola della deificazione. [..]

Altre informazioni →
cquista da Amazon
La Resurrezione dei morti – Volume Quinto

La Resurrezione dei morti – Volume Quinto

“Questa volta metti tutto per iscritto affinchè nulla sia falsificato” è quello che l’Angelo mi ha rivelato all’inizio della Missione Messianica di HaMaschiach Ben Yoseph nella
Seconda Venuta.
Negli anni ho portato e continuo oggi a portare tutto ciò che viene rivelato in forma di documenti, testi, filmati, etc., ma chi li legge deve sapere che a volte possono essere riportati anche testi scritti da altri. Anche questo materiale, seppur non ricevuto direttamente da noi e neanche direttamente durante gli studi della Terza Redenzione Finale, viene tuttavia indicato dalla stessa Rivelazione come materiale che di essa fa parte [..]

Altre informazioni →
cquista da Amazon
La Resurrezione dei morti – Volume Sesto

La Resurrezione dei morti – Volume Sesto

La Pecora smarrita della Casa d'Israele della Tribù di Dan si trova in maggioranza nel campo cristiano tradizionale.
Sono degli ebrei che si convertirono al Cristianesimo per le circostanze storiche di quel tempo; la caratteristica di queste persone è di essere socievoli, hanno una grande ingegnosità sia in campo religioso che nel campo del lavoro.
In tutti gli altri gruppi cristiani protestanti si trova una piccola minoranza e solo in due gruppi non esiste neanche un'anima della Tribù di Dan e questi sono i mormoni e gli Avventisti del 7° giorno.
In questa generazione altre anime della pecora smarrita di questa Tribù sono individuabili nei bambini dai tre agli otto anni.
Le caratteristiche che si possono riscontrare sono l'apprendimento e le capacità intellettive.
Un'altra fascia di persone sono gli atei che manifestano la loro fede solo in Cristo.
E infine esse sono presenti nel Giudaismo tradizionale. [..]

Altre informazioni →
cquista da Amazon
La Resurrezione dei morti – Volume Settimo

La Resurrezione dei morti – Volume Settimo

Serie: LA RESURREZIONE DEI MORTI, Book 7
Genere: Religione

Genesi 12; 1 – 3

«Il Signore disse ad Abramo: “Và via dal tuo paese, dal tuo parentado, dalla tua casa paterna, al paese che ti indicherò. Farò di te una grande nazione, ti benedirò, renderò grande il tuo nome, sarai una benedizione. Benedirò chi ti benedice, maledirò chi ti maledice; si benediranno in te tutte le famiglie della terra.»

Un popolo chiuso in se stesso può essere veicolo della Benedizione Divina per gli altri popoli?

Le radici del Cristianesimo, sono evidentemente l’Ebraismo.
Gesù era ebreo, chi lo seguiva era ebreo, i discepoli erano ebrei, Paolo di Tarso era ebreo, lui parlava agli ebrei in Israele, la sua Missione si è svolta in Israele; ma i cristiani non sono ebrei.

Chi sono gli ebrei? Sono il Popolo del Patto, il Popolo Eletto, i Figli di Israele, dei Patriarchi Abramo Isacco e Giacobbe, i discendenti delle dodici Tribù dei Figli di Israele. Sono il popolo della Legge di Mosè, dell’uscita dall’Egitto, dei quarant’anni nel deserto, del vitello d’oro, delle Tavole della Legge. Sono il popolo del Re David, di Re Salomone, dei Profeti d'Israele, dei Giudici, del Sinedrio. Sono il popolo di Gesù di Nazareth. Sono soprattutto il popolo messianico, il popolo del Messia. [..]

Altre informazioni →
cquista da Amazon