Canosa di Puglia

Il Morè Carmine Davide Delle Donne H-YACH MESHCRY EL ZERACH-H SHALOM in visita al Museo Archeologico Nazionale, al Battistero di San Giovanni e San Paolo, al Parco Archeologico di San Leucio, al Mausoleo di Boemondo ed agli ipogei della città di Canosa di Puglia.


Egli replicò: “Deh! o Signore, affida il mandato a chi vuoi affidarlo”. (Esodo 4,13)

Segno

Sogno ricevuto da Vittorio Malcangi la notte del 31 gennaio 2020

Ho ricevuto un sogno nel quale vedevo il Morè Carmine Davide e c’erano altre poche persone. C’erano due righe scritte in ebraico quasi certamente. In queste due righe era contenuto un segreto.

C’era una guerra contro i capi degli angeli inferiori, come una guerra finale e loro sapevano che in quelle due righe era contenuto quel Segreto e stavano aspettando.

Il segreto era di questo tipo: la frase composta da queste due righe si poteva leggere in maniera comune ed aveva un senso ma il segreto stava nel fermarsi alla prima delle due righe, poi bisognava come resettare tutto e poi ricominciare; le parole non erano cambiate ma il significato della prima riga si. Quello era il segreto.

Poi mi trovavo a voler descrivere questo sogno al Morè Carmine Davide e ne avevo timore perché nel sogno pensavo che questo sogno ricevuto fosse qualcosa di mio. Il Morè mi dice che c’entra la volontà ma io capisco che non sta parlando del sogno che ho ricevuto. C’è insieme a noi Pino ed anche Vito. Pino mi viene vicino sul lato destro mentre io è come se stessi steso su un piano e con un monocolo di quelli usati dai gioiellieri mi vede il profilo del naso; sembra che sia tutto a posto. Poi Pino inizia a parlare di un sogno che lui ha ricevuto su Trani dove c’entra il sindaco di Trani e così via ma io lo interrompo dicendo che non è quello il sogno di cui voglio parlare io.

Sabato 01 Febbraio 2020

Camera di Studio della Sinagoga Rinnovata Universale di Trani

Visioni durante lo studio del sogno di Vittorio Malcangi.

Mostrano in visione il Morè Carmine Davide in tunica viola con indosso il tallith bianco. Il Morè ha in mano una grande lettera Shin e poi un incensiere d’oro. Accanto a lui c’è una donna con indosso il copricapo bianco.

Sempre in visione, alla sinistra del Morè Carmine Davide vedo un Angelo bianco: è in volo, arriva dall’alto e con le mani tocca la spalla del Morè. Poi mostrano il Morè Carmine Davide che porta i rotoli della Torah dentro una custodia di velluto blu riccamente ricamata con rami, foglie e fiori in oro con al centro delle lettere ebraiche anch’esse ricamate in oro.

Mostrano una luce viola che va verso l’altare della Casa di Avraham e illumina il Terzo Angolo della Casa di Preghiera per Tutti i Popoli, poi illumina la Stella di David. Mostrano un uomo disteso, avvolto in panni bianchi; il Morè Carmine Davide si piega su di lui e pone le mani sul suo torace. Il Morè mentre fa questo ha il capo chino e pronuncia delle parole.

Mostrano una mano d’uomo che sembra un albero: le dita sono come rami e intorno ad esse c’è la chioma e sulla punta di ogni dito c’è un piccolo cerchio. Un grande Angelo bianco arriva e va dal Morè Carmine Davide portandogli il bastone bianco, l’Angelo lo tiene in orizzontale e quando lo porge al Morè vedo che il bastone è anche una spada.

Alle spalle del Morè si mostra Yeshua Gesù di Nazareth. Mostrano mani giunte in preghiera. Nuovamente mostrano in visione il Morè Carmine Davide, indossa una lunga tunica di luce, ha tra le mani una corona a fascia. Il Morè innalza la corona verso il cielo, pronuncia delle frasi, sembrano preghiere, poi si mette la corona sul capo. Vedo delle forti luci gialle e azzurre. Arriva un Angelo che porta un bastone al Morè Carmine Davide e lo stabilisce con grande autorità sulla terra.


Quando la Stella del Re Unto parla

Quando il Messaggio parla o la Missione Messianica parla, è possibile che essi parlino nella prima persona. Se la persona quale responsabile per la diffusione usa la prima persona, non si deve pensare che, essendo il Messaggio anche la parola di D_o, colui che lo dice è qualcosa al di fuori di essere umano.

***

“Quando la Stella del Re Unto parla, in Verità è la Missione Messianica che parla”
Dal primo momento abbiamo ritenuto di dovere esprimere chiaramente e pubblicamente la nostra posizione.
Partiamo dai cristiani.
Cristiani di ogni chiesa e fuori di ogni chiesa, a voi in amore per le azioni di bontà e di carità che fate per gli anziani, per gli ammalati, per gli orfani, per le vedove, per i poveri. Ora Cristiani tutti, ascoltate il Messaggio Nuovo; è autentico e misurato in ogni parola. Farne il tuo fondamento, sarà come costruire una casa con una base solida. Quando il Messaggio parla o la Missione Messianica parla, è possibile che essi parlino nella prima persona. Se la persona quale responsabile per la diffusione usa la prima persona, non si deve pensare che, essendo il Messaggio anche la parola di D_o, colui che lo dice è qualcosa al di fuori di essere umano. Anche i Profeti parlavano tramite lo spirito della profezia e spesso dovevano parlare nella prima persona, poiché così parlò lo Spirito Profetico in loro. Nessuno vorrebbe deificare un Profeta, D_o ci salvi. Anche il Profeta Elia, che non morì come altri uomini per virtù di una benedizione particolare che il Signore ha dato a Lui e salì al cielo direttamente lasciando scendere da lui il suo mantello ed il suo bastone, fu anche lui un uomo, non un D_o. Non c’è più di Mosè che stette sulla montagna quaranta giorni e quaranta notti. Il Signore parlò con Mosè, nostro Maestro, direttamente. La Legge di D_o testimonia che Mosè è il fedele in tutta la sua casa. Mosè è il capo di tutti i Profeti. Nessuno sostituisce Mosè. Grazie a D_o che nel Vangelo c’è scritto che quando Gesù salì alla montagnetta, apparvero Mosè ed Elia. Soltanto che non avete capito il significato. Il Messaggio Nuovo dei Profeti e il Messaggio Messianico non si sarebbero diffusi nel mondo se non fossero stati sanzionati da Mosè e da Elia. Loro avevano dato permesso e autorità alla fine di quella Missione di Yeshua e questo significa che quando quella prima Missione starà per concludersi, quando cioè “tutto il mondo sarà entrato nel patto cristiano”, si capirà che quella Missione di Yeshua era sotto la Legge di Moshè, con il Permesso di Moshè e si muoveva nel Nuovo Messaggio dei Profeti, con l’Autorità del Profeta Elia. Soltanto alla condizione che si rimanga sotto la Legge di Moshè ed entro i limiti del Nuovo Messaggio dei Profeti la Missione Messianica è vera e solo in questi limiti può e deve essere compresa. Non c’è nessun uomo che assomiglia a D_o, in nessun modo. Ecco perché la Torà ha testimoniato che non c’è un uomo in tutta la terra, umile come Mosè. La grandezza di Mosè è che è uomo e che è un uomo umile. Ora, se tutti gli uomini sulla terra non possono raggiungere l’umiltà di Mosè, non possono mai prendere il posto di Mosè. Siccome non possono arrivare al livello di Mosè, ed essendo Mosè un uomo, concludiamo senz’alcun dubbio che tutte le persone sulla terra non possono essere più di uomini e donne. Studiate questa lezione e prendetela a cuore. La deificazione di qualsiasi uomo o di qualsiasi cosa è strettamente proibita dal secondo comandamento. IDDIO, BENEDETTO EGLI SIA È IL NOSTRO SIGNORE. NON È PERMESSO SOSTITUIRLO CON NESSUNO, MAI, PER SEMPRE ED IN ETERNO, IDDIO È IL NOSTRO SALVATORE. Anche Yeshua, Gesù di Nazareth, era un uomo ha vissuto da uomo ed è morto uomo anche se era il primo Messia, figlio di Giuseppe, implicato dai profeti. Gesù era il Messia che viene capito soltanto alla fine, dopo duemila anni.

Dal libro del Rabbi Carmine Davide Delle Donne IL TRATTATO DELLA MOLTIPLICAZIONE DEL PANE E DEI PESCI

 

Il Messaggio di Ha-Shem per la riedificazione di Gerusalemme – Volume III – Il trattato della moltiplicazione dei pani e dei pesci

Il Messaggio di Ha-Shem per la riedificazione di Gerusalemme – Volume III – Il trattato della moltiplicazione dei pani e dei pesci

€ 21

Agli Ebrei di tutto il mondo io, “HYACH MESHCRY EL ZERACHH”, dico: “C’è un tempo per pensare e riflettere e un tempo per agire nella Verità del D_o d’Israele. Lo Spirito di Verità che procede dal Padre vi tirerà fuori da tutte le trappole di questo mondo e vi guiderà in tutta la pienezza del vostro cuore verso la Verità di Yeshua Ha' Mashiach ben Yosef. In quel giorno, da presso gli Chassidim Lubavitch che saranno con me ed io con loro, quando vi dirò: "Shalom, la pace sia con voi" potrete rispondere: "Shalom, la pace sia con te.” E allora tutto Israele dirà: “Benedetto Colui che viene nel nome del Signore”. Yeshua, uomo ebreo, studioso della Torah e del Talmud, pensava ed agiva soltanto in termini Ebraici, sapeva di avere su di sé una missione ed un messaggio per Israele e per tutto il mondo. Lo svolgimento storico del Disegno Divino però lo ha strappato al suo contesto, le sue parole sono state travisate e strumentalizzate fino a renderle un’arma contro il suo stesso popolo, Israele.

cquista da Lulu
About the Book
Scarica il libro in PDF Volume III – Il trattato della moltiplicazione dei pani e dei pesci Scarica la copertina del libro in PDF Volume III – Il trattato della moltiplicazione dei pani e dei pesci-cover  
Book Club Resources
About the Author
Rabbi Carmine Davide Delle Donne

Nato a Genzano di Lucania in Basilicata, ha frequentato l’Università degli studi di Roma “La Sapienza”, facoltà di Giurisprudenza.
Vive a Roma.
Il Morè (Maestro) Carmine Davide Delle Donne è il Fondatore dell’Associazione Culturale Religiosa “Casa di Avraham – Casa di Preghiera per tutti i Popoli”.

Nel 1983 viene riconosciuto come Allievo segreto del Morè Haim Wenna, figlio del Morè Mosè Wenna, Capo dei Trentasei Giusti Nascosti, Rabbino Capo di Sa’anà, Yemen.

Il riconoscimento viene effettuato e testimoniato per iscritto dal primo allievo ebreo del Morè Haim Wenna a cui tale ricerca era stata affidata.

Dopo la circoncisione e dopo avere studiato a Milano per sette anni Torà, Talmud e studi Redenzionali, ristabilisce in Genzano di Lucania (PZ) l’antica Scuola degli Esseni chiamata Scuola di Ester o Scuola del Maestro di Giustizia o Scuola della Rosa.

Il Morè Carmine Davide Delle Donne è l’erede di due tradizioni, la Kabbalak Maassit della Scuola degli Esseni e la Tradizione Orale Segreta Ebraica Yemenita che si chiudono in lui,
H-YACH MESHCRY EL ZERACH-H.

In seguito, nel 1990/91 dopo la chiamata profetica del Profeta Elia, riceve la Rivelazione della Terza Redenzione Finale.

Questo è il Messaggio che costituisce il perfetto equilibrio della storia del popolo d’Israele e dell’Umanità, svelato nei libri della Terza Redenzione.

Dal 1992 inizia a pubblicare i suoi studi: escono “Il Secondo Comandamento”, “Il vitello d’oro”, “Il nodo del mistero di Cristo sciolto” e vede la prima stesura anche il libro “Il Nuovo Patto”.

Successivamente pubblica “Il libro di Ester”, “La Terza Redenzione Finale per Israele e le Nazioni – Il Nuovo Patto”, “Ha Maschiach Ben David”, “Il Libro dei Segni”, “Il Messia e la Ricostruzione del Terzo Tempio in Gerusalemme”, “C’è un uomo che vede e due ciechi”, “La Via verso il II Concilio di Gerusalemme”, “Il Trattato della moltiplicazione dei pani e dei pesci”, “E Luce fu”, “Brith Shalom”.

Nel 2012 vede la luce la collana: “Riedificazione Ricostruzione e Riunificazione di Gerusalemme”, riguardante le dodici Tribù di Israele.

Dai primi anni del nuovo millennio vengono realizzate delle opere filmate che vanno a comporre la collana “L’Ebreo Svelato” e due filmati di divulgazione per la collana “Segni”: il “Progetto ritrovamento della tomba definitiva di Gesù di Nazareth” e “Giuseppe e Maria genitori di Gesù di Nazareth”.

È on line il sito www.casapreghiera.it, strumento di conoscenza e divulgazione dell’Associazione, dove si possono trovare sia gli scritti, sia i filmati di report dei viaggi di studio e lavori effettuati in Israele, Egitto, Giordania, Francia, Roma, Milano, Vigevano, Trani, Genzano di Lucania, Paola, San Giovanni Rotondo, Castel del Monte ed altri luoghi.

Other Libri in "Il Messaggio di Ha-Shem per la riedificazione di Gerusalemme"

Riedificazione di Gerusalemme

Riunificazione di Gerusalemme
Riunificazione di Gerusalemme – Volume I
Riunificazione di Gerusalemme – Volume II

Riunificazione di Gerusalemme – Volume II

“Questa volta metti tutto per iscritto affinchè nulla sia falsificato” è la frase che mi è stata detta all’inizio della Rivelazione dal Cielo che ho ricevuto.

Negli anni ho portato e continuo oggi a portare tutto ciò che viene rivelato in forma di documenti, testi, filmati, etc., ma chi li legge deve sapere che a volte possono essere riportati anche testi scritti da altri. Anche questo materiale, seppur non ricevuto diret-tamente da noi e neanche direttamente durante gli studi della Terza Redenzione Finale, viene tuttavia indicato dalla stessa Rivelazione come materiale che di essa fa parte.

 

 

Altre informazioni →
cquista da Lulu
Riunificazione di Gerusalemme – Volume III
Riunificazione di Gerusalemme – Volume IV

La Sede della Casa di Avraham

Shalom a tutti.

Benvenuti nella Casa di Avraham.

La Casadi Avraham non è una religione.

La Casadi Avraham non è una setta.

La Casadi Avraham è una ASSOCIAZIONE.

A questa Associazione possono partecipare tutti: ebrei, cristiani, islamici e tutte le persone di qualsiasi credo.

Nella Casa di Avraham un ebreo rimane un ebreo, un cristiano rimane un cristiano, un islamico rimane un islamico e così via. Nella Casa di Avraham si studia qual è, perché esiste, la comune radice nel Dio Unico che è il vero collegamento che permette di poter riconoscersi realmente fratelli gli uni con gli altri, di poter parlare e comprendersi sui temi veri che oggi invece dividono: il ruolo d’Israele, di Gesù di Nazareth, del Corano, del Tempio, etc.

L’obiettivo della Casa di Avraham è la PACE

Evitate di andare in grande confusione, quello che vedete in questo filmato non appartiene all’ebraismo rabbinico, ha un significato molto diverso.

Il Maestro Carmine Davide Delle Donne H-YACH MESHCRY EL ZERACH-H SHALOM è ebreo, ma ciò che è documentato qui fa parte della Missione del Pastore delle Pecore Smarrite della Casa d’Israele e rappresenta il risveglio delle anime EBRAICHE che sono al di fuori del campo ebraico e si trovano, prevalentemente, nel CAMPO CRISTIANO. Questo fa parte della Missione del Pastore delle Pecore Smarrite della Casa d’Israele per riportare le anime delle dieci Tribù disperse dei figli di Giacobbe nuovamente insieme alle Tribù di Giuda e Beniamino, per la Grande Israele.

Nessuno, nell’ebraismo ufficiale, può fare questo.

Ma questo può essere fatto esclusivamente da un SOLO, UNICO e PARTICOLARE EBREO in un tempo particolare e da nessun altro. Il fatto che ciò provochi una reazione da parte delle persone ebree è necessario, ma questo deve succedere. Infatti, di fronte ai Segni, gli ebrei nella carne è giusto che non rimangano indifferenti. Quindi, non cercate di criticare a nome dell’ebraismo ufficiale, perché nulla è toccato dell’ebraismo ufficiale. Non sprecate il vostro tempo a ribadire questo concetto e, soprattutto, ad inventare calunnie per rimarcare la distanza da quello che considerate “ebraismo”, coprendo con questo la vostra incapacità di comprendere, perché quello che vedete qui non riguarda l’ebraismo; riguarda il campo cristiano e le Pecore Smarrite della Casa d’Israele.

Ma la Volontà di HaShem sul Morè Carmine Davide Delle Donne questa sì che è una responsabilità che tocca a voi ebrei comprendere perché non c’è Redenzione se non c’è Israele e fino a quando non deciderete di discuterne a fondo ed a viso aperto, non vi lascerà in pace.

Fratelli Ebrei, un sacerdote NON È PER SE STESSO, MA È PER GLI ALTRI.

Voi siete un popolo di sacerdoti, siete i sacerdoti per il mondo. Avete avuto la responsabilità dal Dio Uno, il Santo d’Israele, di portare la conoscenza ricevuta al Sinai a tutta l’umanità. Ricordate che Mosè nostro Maestro prese la moltitudine mista sotto la sua responsabilità, senza neanche chiedere al Signore, perché era certo che la Sua volontà era di portare la Redenzione e la conoscenza del Dio Uno a tutti i popoli.

Per tutti questi secoli avete tenuto chiusa questa conoscenza, non avete svolto il vostro ruolo per l’umanità, non avete portato con amore al mondo la conoscenza del Dio Uno. Siate seri e rigorosi con voi stessi su questo punto così come lo siete su tutte le particolarità della Legge, e vedrete che questa verità non potete e non dovete negarla.

Vi siete chiusi anche per tutte le persecuzioni che avete dovuto sopportare, perché si è sempre osteggiati quando si porta la Volontà del Dio Uno.

Ma Iddio Benedetto Egli Sia ha chiuso anche la vostra comprensione per tutti questi anni e non vi ha fatto vedere un semplice verità che oggi prende la sua giusta forma. Riprendete il Salmo 110, ristudiatelo, approfonditelo e cercate di comprenderlo. Se non lo vorrete però rileggere riconsiderando un vostro illustre fratello ebreo, non arriverete mai e la responsabilità sarà solo vostra. Su chi dovete porre lo sguardo, riconsiderando con amore e benevolenza ciò di cui lui ha parlato relativamente al Disegno Divino su Israele e le Nazioni con profondissima conoscenza e con linguaggio che allora non poteva essere compreso? Un uomo che è sempre stato all’interno del Secondo Comandamento. Un uomo che non ha mai fatto nulla di sbagliato. Un uomo che ha subito prima di voi e come voi le stesse falsità, le stesse calunnie e le stesse sofferenze che avete subito voi. Ma non ha avuto il vostro appoggio, l’appoggio del suo popolo anzi, che Dio ci salvi, ha subito il vostro anatema: YESHUA, Gesù di Nazareth. Non storcete il naso, non pronunziate parole vane ora. Il Gesù “cristiano”, che voi conoscete comunque a malapena, non porta il Messaggio di Yeshua l’ebreo. Il Gesù cristiano è un messaggio sbagliato, ma è il messaggio che domina nel mondo, che vi fa paura, che sperate e pregate non si riaccenda contro di voi. Questo non deve succedere, e non succederà ma voi dovete capire il Disegno Divino e capire che non dovete continuare a chiudervi come avete sempre fatto, perché il Dio d’Israele, l’Assoluto Uno, ha messo il mondo ai vostri piedi.

Come?

Chi domina nel mondo cristiano? Chi domina nel mezzo dei suoi nemici? Un ebreo: Yeshua.

Avete paura e terrore dell’assimilazione, avete orrore del solo nome di Gesù, ma non capite che è quella la chiave che Iddio ha posto in mano al Suo popolo per essere il Sacerdote dell’Umanità. Oggi, che le profezie della fine dei tempi, del tempo Messianico, si stanno iniziando a verificare, oggi i migliori fra di voi devono ergersi al di sopra dei secoli di buio e sofferenza e devono guardare  con occhi nuovi al Messaggio di quell’uomo di duemila anni fa. Devono capire che era un uomo di Dio e devono riconoscere la verità della Volontà di Dio su di lui. Oggi dovete riconoscere, comprendere, gustare l’ebraicità di Yeshua, e solo così potrete farla entrare nei cuori dei vostri fratelli cristiani, solo così potrete riaccendere di gioia le anime delle dieci Tribù disperse che si trovano nel campo cristiano e solo così inizierete a porre rimedio all’errore portato avanti nei secoli nei suoi confronti. In questo messaggio infatti si completa oggi Israele.

Questo è quanto deve accadere oggi.

Per questo affermiamo che il Terzo Tempio, oggi, nessuno può costruirlo.

Il Terzo Tempio è solo il suggello alla PACE che bisogna raggiungere PRIMA della sua costruzione.

Prima del Terzo Tempio ci deve essere la Riedificazione di Gerusalemme. Questo significa che il luogo simbolo per le religioni abramitiche deve tornare ad essere unita in un’unica fede, quella di Abramo Nostro padre, nel Dio Uno, in El Shaddai.

Colui che costruirà il Terzo Tempio è il Principe della Pace nella Luce e lo Splendore di Zerach. Non può essere il Terzo Tempio fonte di guerra, scaturigine di conflitto, pretesto di massacro, Dio ci salvi.

Lo studio, le scritture, la storia recente (la passeggiata di Sharon sulla spianata) e soprattutto il buon senso indicano con chiarezza che il Terzo Tempio sarà il punto di arrivo, questa volta per tutta l’umanità, del Disegno Divino per la Pace finale fra tutti i popoli.

Chi afferma il contrario o è un folle o è in malafede.

Shalom