Novità

SPIEGAZIONE DEL SEGNO DELLA FINE DEI TEMPI

RICORDATI DAVANTI A CHI TI TROVI (LA LEGGE DI MOSÈ NOSTRO MAESTRO)

Io Maddalena (Maria Rosa De Palo) testimonio di aver ricevuto la seguente visione:

VISIONE SABATO 18 MAGGIO 2019 – ANDRIA

Durante la cena di separazione dal giorno festivo ai giorni lavorativi sono arrivati i quattro Arcangeli: Gabriele, Michele, Uriel e Refael. Mentre il Morè Carmine Davide santificava il vino, i quattro Arcangeli sono venuti vicino al tavolo e hanno posto la mano destra sull’orlo del calice di  vino del Morè. Poi, sotto il calice, si è formato un cerchio azzurro di circa 30 cm e il calice si è trasformato nella Stella di David d’oro, rimanendo al centro del cerchio. Il cerchio si è ingrandito e i quattro Arcangeli hanno posto entrambe le mani sul bordo del cerchio, disponendole  intorno ad esso, con la Stella di David d’oro al centro, così da avere otto mani intorno al cerchio azzurro con la Stella di Davide d’oro centrale.

Io, Mariagiulia Tannoia, durante la notte fra sabato 18 e domenica 19 maggio 2019 ho ricevuto il seguente sogno:

Stanotte ho ricevuto un lungo sogno, ma non ricordo bene. L’ultima cosa che mi ricordo è che stavo correndo sulla spiaggia con un ragazzo perché io ero in pericolo: c’era una donna con una figlia che mi perseguitava. Mentre correvamo su questa spiaggia il sole all’improvviso incominciava a scurirsi e quando si scuriva diventava tutto talmente nero che non si poteva più vedere niente. Per cui io dicevo a questo ragazzo: “Dobbiamo subito tornare a casa perché fra un po’ non si vedrà più niente” e si vedeva questo sole strano. Sai, quando il sole c’è e ci sono le nuvole c’è anche la luce, invece diventava tutto nero nero nero, non si vedeva niente, per cui era come un avviso che dica: “Vedi che sta per sparire completamente il sole”. Per questo io correvo correvo per arrivare a casa. Cercando di spiegare meglio, nel sogno vedevo bene il sole lucente e questo nero che arrivava sul Sole. Anche la notte comunque qualcosa si vede; invece in quel sogno non si vedeva più niente, diventava tutto buio pesto, ti perdevi proprio. È stata un’impressione molto forte.

Matteo 24 –  29,  51

“Or,  subito  dopo  la  tribolazione  di  quei  giorni,  il  sole si  oscurerà,  la  luna  non  darà  più  la  sua  luce,  le  stelle cadranno  dal  cielo  e  le  potenze  dei  cieli  saranno sconvolte.  Allora  comparirà  nel  cielo  il  segno  del Figlio  dell’uomo,  tutte  le  tribù  della  terra  si batteranno  il  petto  e  vedranno  il  Figlio  dell’uomo venire  sulle  nubi  del  cielo  con  gran  potenza  e  gloria. Egli  manderà  i  suoi  Angeli  che,  con  tromba  dallo squillo  potente,  raduneranno  i  suoi  eletti  dai  quattro venti,  da  un’estremità  all’altra  dei  cieli.  Imparate  dal fico  la  similitudine:  quando  i  suoi  rami  si  fanno teneri  e  mettono  le  foglie,  voi  sapete  che  l’estate  è vicina.  Così  anche  voi,  quando  vedrete  tutte  queste cose,  sappiate  che  il  Figlio  dell’uomo  è  vicino,  alle porte.  In  Verità  vi  dico:  Non  passerà  questa generazione  prima  che  tutto  ciò  avvenga.  Il  cielo  e  la terra  passeranno,  ma  le  mie  parole  non  passeranno.

Quanto poi a quel giorno e a quell’ora, nessuno ne sa nulla, né gli angeli dei cieli, né il Figlio, ma solo il Padre. E quello che avvenne ai tempi di Noè, avverrà pure alla venuta del Figlio dell’uomo. Infatti, come nei giorni avanti il diluvio gli uomini mangiavano e bevevano, si sposavano e maritavano fino al giorno in cui Noè entrò nell’Arca, e non si rendevano conto di nulla finché venne il diluvio e tutti li travolse, così sarà alla venuta del Figlio dell’uomo. Allora di due uomini che si troveranno nel campo, uno sarà preso e l’altro lasciato. Di due donne che saranno a macinare alla mola, una sarà presa e l’altra lasciata. Vegliate, adunque, perché non sapete in che giorno verrà il vostro signore. Considerate bene questo: se il padrone di casa sapesse in quale vigilia della notte il ladro deve venire, veglierebbe certamente e non lascerebbe spogliare la sua casa. Quindi anche voi state preparati, perché il Figlio dell’uomo verrà nell’ora più impensata. Qual è dunque il servo fedele e prudente, che il suo padrone ha costituito sopra la gente di casa sua, per dar loro Il cibo a suo tempo? Beato quel servo che il padrone, al suo ritorno, troverà così occupato. In verità vi dico, che lo costituirà sopra tutti i suoi beni. Ma se il servo è cattivo e pensa in cuor suo: “Il mio padrone tarda a tornare”, e si mette a percuotere i suoi compagni, a mangiare e bere con gli ubriaconi, il padrone di questo servo verrà nel giorno in cui meno se l’aspetta, e nell’ora che non sa, lo castigherà e gli riserverà la sorte degli ipocriti, là dove sarà pianto e stridore di denti.”

Nel 1992 è stato pubblicato il libro “Il nodo del Mistero di Cristo sciolto”; al suo interno, nel capitolo “Il Vangelo secondo Matteo spiegato”, vi era il testo che segue.

Matteo 2, 22

E venne e si stabilì nella città chiamata Nazareth per compiere la parola dei Profeti “Poiché sarà chiamato Nanrì”.

Nanrì vuole dire Nazzareno. La radice della parola “Nazzor” significa “custode” (come nozzer ha-cramim, di canticoz, “custode delle vigne”).

Leggi nella chiave “colui che deve venire sarà “custode” della legge”.

Matteo 3, 1 – 2

In quei giorni apparve Giovanni il Battista a predicare nel deserto della Giudea e dire: “Ravvedetevi, perché il regno dei cieli è vicino”.

Giovanni Battista era stato alla Scuola degli Esseni. Era entrato nei “segreti” del Regno dei Cieli. È uscito dalla Scuola senza permesso. Lui ha visto nella sua visione il Segno del Regno dei Cieli. Ma il “segreto” e la preparazione per vedere questo, li aveva appresi alla Scuola degli Esseni. Non doveva annunciare questo Segno senza l’espresso permesso del suo Maestro di quella Scuola da cui ha ricevuto il segreto. Ecco perché quando Giovanni decise di annunciare il Segno, uscì dalla Scuola. Ora si deve sapere che sia la decisione di Giovanni prima e poi di Gesù, di uscire dalla Scuola per conto proprio, per “usare” i segreti che avevano ricevuti, non erano decisioni facili. Questi “segreti” della Scuola degli Esseni fanno parte di una tradizione ebraica orale particolare. Non era facile ricevere un segreto. Solo per entrare nella Scuola era necessario sapere tutta la Torà scritta e la Tradizione Orale Rabbinica. Per ricevere un segreto si doveva studiare e seguire una disciplina rigidissima. Si riceveva un segreto soltanto quando il Maestro era d’accordo di insegnarlo e soltanto con un giuramento. Questo giuramento era irrevocabile. Chiunque usava il segreto per divulgarlo o per curare persone tramite il segreto o per dichiarare parole profetiche tramite il segreto, senza il permesso del suo Maestro, morirà giovane.

Sia Giovanni che Gesù sapevano questo.

(Nella Misnah chiunque “usa” la “corona” muore. Loro sapevano bene questa Misnah. Ma molto di più, avevano fatto giuramento per ricevere).

Leggi nella chiave. “Quando arriva il Segno del Regno dei Cieli, è sicuramente un urgentissimo invito al pentimento”. Tutti i Segni sono a doppio senso, indicato nei “segni” come “la separazione fra i gabbiani neri ed i gabbiani bianchi”. Oppure nella parabola di Gesù; due si troveranno in un letto, uno sarà salvo e l’altro andrà alla perdizione.

Quando esce il Segno del Regno dei Cieli si è ancora in tempo per pentirsi. È arrivato il Segno del Regno, ma il Regno dei Cieli è nei Cieli. Se il Segno è uscito e sceso sulla Terra, è un momento importante perché segnala il fatto che sta per arrivare. Il fatto stesso che sono arrivati i Segni è sufficiente per “riaccendere” la fede e la speranza.

Prima che arriva la Redenzione propria nella forma di una riappacificazione nella fede tra Ebrei e Cristiani, la pace fra le nazioni, la costruzione del Terzo Tempio, è necessario che ci sia una possibilità di pentirsi, di salvarsi, di redimersi e di elevarsi spiritualmente e mentalmente.

Perciò Iddio manda i Segni della Redenzione all’inizio di quel periodo, per dare tempo al pentimento prima che arrivano gli sconvolgimenti storici che precedono la Redenzione, e per risvegliare la Fede e la Speranza. È necessario qui spiegare che c’è una differenza enorme fra i Segni che sono usciti al tempo di Gesù ed i Segni che sono usciti ora in merito al Giusto, Ha-Morì Haim, di Benedetta Memoria. L’arco di tempo dei Segni è un arco di quattromila anni. Sono usciti duemila anni dopo al tempo di Gesù e di Battista. Sono usciti ora in merito al Giusto Nascosto.

Al Patto fra le Parti con Abramo, nostro Padre, viene predetto un periodo di quattrocento anni di esilio dopodiché arriva la Redenzione. Dalla nascita di Isacco fino all’uscita dall’Egitto tramite Mosé, nostro Maestro, sono quattrocento anni. Quella Redenzione viene completata con la Rivelazione a Sinai, e realizzata con gli insegnamenti delle Tribù sotto la guida di Yehoshua Bin Nun. Così dalla Benedizione ad Abramo fu realizzata la Redenzione del popolo eletto. Nella Benedizione ad Abramo, però, c’è anche il compimento della Promessa ad Abramo che sarà il padre di una moltitudine di nazioni.

Questo si è verificato in particolare tramite Ismaele e tramite Esaù. La Promessa ad Abramo nel senso completo è la “conquista” dei “quattro regni” della Terra.

La Tradizione Antica riporta che quando nacque Abramo, nostro Padre, i maghi ed i saggi babilonesi (che erano molto istruiti negli studi delle stelle) hanno visto nel cielo una stella grandissima e brillantissima.

C’erano in quel momento altre quattro stelle, tutte grandi e luminose una in ogni direzione nei quattro angoli del Cielo. La Stella di Abramo ha fatto poi un “giro” in ogni direzione e ogni volta che incontrò la stella luminosa in quell’angolo, la “inghiottì”, (cioè la stella si è spenta e non si vedeva più). Il tempo richiesto per compiere questo “giro” nella completezza della Promessa ad Abramo per la Redenzione delle moltitudini delle nazioni è di quattromila anni.

Sono arrivati i Segni ora per dare atto che sono stati completati in termini di tempo i quattromila anni dall’apparizione del Segno del Regno dei Cieli ad Abramo. Per quanto riguarda l’esatto calcolo degli anni, non ce n’è bisogno. Prima perché si compie da sé. I tempi della stella sono perfetti sino al “secondo”. Secondo, c’è una regola generale da sapere e da capire. Si può intendere meglio dal Patto fra le Parti. Fu detto ad Abramo che la sua discendenza scenderà in una terra straniera non di loro e che dovranno essere schiavi per quattrocento anni. Dopo usciranno di là con una grande ricchezza dopo che Iddio punisce quel popolo. Ora capiremo una cosa da ciò che c’è scritto nella “Haggadà” della Pasqua ebraica. A proposito di questo Patto c’è scritto “Ed il Santo Dio, Benedetto Egli Sia, ha calcolato la “fine”.

Questa frase viene a spiegare il fatto che da quando gli ebrei sono diventati schiavi in Egitto (eccetto la Tribù di Levi) sino all’uscita, non soltanto duecento e dieci anni. Perciò Iddio ha calcolato la fine dei quattrocento anni dalla nascita di Isacco. Vale a dire anche che nessuno avrebbe potuto calcolare la “fine”, perché nessuno poteva sapere da quale “punto” esatto si comincia il calcolo.

C’è, però, un calcolo massimo. Da quando i figli di Israele sono diventati schiavi degli egiziani, non poteva durare più di quattrocento anni senza che arrivasse la Redenzione promessa. Grazie a Dio, Benedetto Egli Sia, che ha calcolato la “fine” dalla nascita di Isacco, e così ha salvato i nostri padri da ancora centottanta anni di schiavitù. Questo fatto ci insegna quanto si deve stare attenti di non cercare di calcolare la “fine”.

Anche i Saggi del Talmud hanno proibito severamente di calcolare la “fine”. (Anche se, purtroppo, questa proibizione è stata trasgredita spesso, con risultati dannosi e persino disastrosi).

I Segni della Redenzione, dunque, escono per segnalare l’inizio e l’entrata nel periodo della Redenzione. Segnalano, si, la fine del periodo precedente e l’inizio del nuovo periodo, ma questa segnalazione viene dal di sopra dove è “scritta” nel “Libro delle Stelle”. Per “portare” questo Libro sulla Terra ci vuole il permesso dello Tzadik amato da Dio in merito a cui i Segni sono usciti. Non per calcolare la fine, bensì per registrare in scritto e per diffondere la notizia dei Segni, le loro spiegazioni ed i messaggi appartenenti. Il “permesso” dall’Alto è una “questione” fra Iddio, Benedetto Egli Sia e il Giusto, di Benedetta Memoria.

Il permesso che arriva a noi viene tramite i Segni (e anche tramite i vari modi nei quali i Segni vengono recepiti). Ci deve essere anche sulla Terra chi accetta la responsabilità di quel permesso. I Segni della Redenzione usciti al tempo di Abramo sono completi e totali nella promessa. I Segni della Redenzione al tempo di Giovanni Battista e di Gesù segnalano il punto medio di duemila anni fra la Promessa ad Abramo e la realizzazione della Promessa in un modo totale, cioè la riappacificazione fra i popoli e la riconciliazione nell’amore della vera Fede fra Israele e le Nazioni. I Segni usciti al tempo di Battista e di Gesù hanno quasi gli stessi nomi dei Segni da noi ricevuti e come avevano al tempo di Abramo.

Stanno, però, a metà strada nello sviluppo dell’umanità. Non si poteva parlare della Redenzione dei popoli mentre i popoli erano lontanissimi dalla Fede della Torà e dalla giuste notizie della Rivelazione a Sinai.

I Segni parlavano di colui che verrà. Battista annunciò, “il Regno dei Cieli è vicino” “colui che verrà dopo di me sarà più forte di me”. Non sapeva, però, chi. Perché non sapeva? Il motivo è questo: i Segni della Redenzione ricevuti da Battista e da Gesù non sono i Segni totali e completi. Sono Segni generali senza specificare tramite chi è arrivato il “permesso” dall’Alto e senza specificare tramite quale Giusto amato i Segni sono arrivati. Se Giovanni Battista ha visto il Segno del Regno dei Cieli non ha certamente visto chi era “seduto” sul Trono. Mancavano ancora duemila anni perché i Segni potessero uscire nella forma finale e completa con l’autorizzazione e con tutta l’informazione necessaria sul Responsabile. I Segni usciti adesso sono i Segni completi e perciò indicano anche specificatamente il Responsabile per la loro completezza e indicano specificamente quali sono i modi necessari per arrivare alla Redenzione (come la formazione di una Chiesa Universale unita con la Sinagoga Universale del Terzo Tempio). I Segni di allora erano Segni “generali” e Segni “intermedi” che non vengono per concludere il periodo di esilio o per segnalare la conclusione della Promessa ad Abramo. Il vero periodo della Redenzione quando i “rimanenti” serviranno Iddio, Uno ed Unico e ci sarà la pace fra i popoli, era ancora lontanissimo.

Che cosa, dunque, significano i Segni di allora, come Segni intermedi? In via generale significano che ci sarà un cambiamento radicale nella storia dell’uomo. (Primo Segno).

Il cambiamento sarà compiuto in vari modi; tramite un Nuovo Messaggio (terzo Segno); tramite un invito alla gente semplice di partecipare alla fede e nella speranza perché proprio loro sono amati da Dio (quarto Segno); tramite l’ira Divina che si scatenerà contro i colpevoli (la quarta stella spostata nel segno delle Sacre Guerre); tramite la ricostruzione dello “spirito” nuovo (quinto Segno); tramite il Regno dei Cieli che dovrà cominciare a scendere sulla Terra con l’avvento del “figlio di Adamo” (secondo Segno).

Si può credere in buona fede che Gesù non sapeva quale grande confusione avrebbe portato al mondo, usando questa espressione “figlio di Adamo” (in ebraico “ben-ha adam”, sempre tradotto “figlio dell’uomo” tanto per confondere ancora di più). Gesù spesso non ha spiegato le sue parole e lasciò a volte troppo spazio per le interpretazioni. Cerchiamo, dunque, di metterci la correzione. Cercate di seguire piano piano per non confondervi.

Nei Segni della Redenzione esiste il “figlio di Adamo”. Il vero significato è un segreto il quale non può essere messo per iscritto o parlato o pronunciato. Si tratta di un segreto ad altissimo livello, il quale è fuori della natura di questo mondo. Ora in merito ai Segni Completi arrivati in onore della generazione la quale dal 1914 fino al 1982 ha avuto di Nascosto il Giusto, amato da Dio, il quale ha subìto il peso dei nostri peccati da solo per seicento e venti giorni, è ora di capire. Non i nostri peccati personali verso di lui, bensì i peccati generali degli uomini dai quali escono “decreti” pesantissimi per la generalità, Dio ci salvi. Questo è il lavoro sacro dei Giusti Nascosti in ogni generazione. Essi sono nascosti, perché se la gente sapesse della loro identità, darebbe onore a loro. Ed essi odiano ogni forma di onore e non sopportano che gli altri considerano loro diversi da tutti gli altri.

Dal tempo del Profeta Elia, di Benedetta Memoria, i Giusti Nascosti di ogni generazione hanno sopportato il peso dei peccati degli uomini che fanno il male ad altre persone e che fanno ciò che è contrario alla natura del mondo, Dio ci salvi, e che è contrario alla natura dell’uomo, Dio ci salvi.

Ora pentitevi perché è uscito il Segno del Regno dei Cieli nella forma completa. Ed è stato annunciato dal Maestro che è arrivato già l’inizio di quel periodo nel quale “tutto andrà veloce”.

Perciò, pentitevi se avete dei peccati che conoscete e chiedete perdono a Dio, Misericordioso per le mancanze che non conoscete. Siate molto umili. Non fate il male contro di voi stessi per non angustiare le vostre anime, e per non diventare cattivi con gli altri. State attenti col rispetto di ogni uomo. Non sapete chi è. Forse colui è un giusto davanti a Dio e voi lo considerate uno di poco valore.

Davanti a Dio siamo tutti uguali. Non c’è grande e non c’è piccolo. Non c’è ricco e non c’è povero. Ma la misericordia di Dio è più vicina al povero perché è mancante. State attenti al povero a non offenderlo mai. Se colui rimane offeso e dalla ferita del suo cuore si rivolge a Dio contro di te, Iddio ascolta la sua preghiera e punisce colui che l’ha offeso. E se il povero nella sua preghiera dice: “Dio mio, o Padre Eterno riempia la mancanza di questo figlio tuo. Ricorda la preghiera di Giacobbe “pane da mangiare e un vestito da vestire”. Copra la mia ferita come hai coperto con la carne la ferita di Adamo. Copra la mia vergogna come hai coperto l’ignudità di Adamo ed Eva”, Iddio ascolta la sua preghiera e risponde al suo bisogno. Perché Iddio è misericordioso e desidera che gli uomini acquistino merito tramite le loro preghiere. Se avete una mancanza chiedete a Dio. Egli è la Sorgente di ogni completezza. Ma se siete poveri o di medio rango, non chiedete di diventare ricco.

Ciò non dipende dalle preghiere, bensì dalla stella sotto la quale uno nasce. La luce e gli influssi di quella stella nascono con la nascita della persona e cessano con la sua morte. Essa governa sulla persona per tutta la sua vita. Non è il mese che determina, bensì il giorno, e l’ora e il momento esatto. Tutto ciò che riguarda il lavoro o meglio il “pane”, o che riguarda la longevità, o che riguarda i figli dipende dalla stella. Ma alla stella non si può pregare perché ciò è idolatria.

Ed a Dio non si deve chiedere perché si è già nati sotto quella stella che  dà “automaticamente” al tempo dovuto, non prima e non dopo, non di meno e non di più. C’è la stella che è ricca e c’è la stella che è povera. C’è la stella che è povera per un certo numero di anni e poi diventa ricca, e c’è la stella che è ricca e poi diventa povera. La “fortuna” è una ruota che gira. Ci sono padri poveri e figli ricchi. Ci sono padri ricchi e figli poveri.

Ci sono persone ignoranti e diventano ricchissimi. Ci sono persone intelligentissime che a malapena trovano da mangiare. Se credete di essere di più di qualcuno altro perché “avete” e l’altro non ha, siete in grave errore. La fortuna è una ruota che gira e il destino non guarda il merito. Anche le nostre capacità sono doni ricevuti. Anche le nostre forze nell’affaticarci ed arrivarci sono doni dal Cielo affinché possiamo compiere gli scopi per i quali siamo venuti al mondo.

Se la persona non errasse, se la persona non peccasse, godrebbe di ciò che è destinato a lui, senza creare “impedimenti” i quali non permettono il giusto ricevimento di quella sua vitalità stellare. Pregate Iddio che vi aiuti a non sbagliare e a non peccare.

Perché gli sbagli si pagano ed i peccati diventano uno scudo nero intorno al cervello ed intorno al cuore ed intorno al corpo e non permettono l’entrata del bene. Questa è la preghiera di Giacobbe, che non ci siano sbagli o peccati che impediscono l’arrivo del pane o che impediscono l’arrivo del vestito, e che ci sia la buona salute per mangiare il pane e per poter camminare e lavorare con quel vestito. A che serve il pane se non c’è la salute? A che serve il vestito se non si può camminare e lavorare? La Sacra Legge ha detto che non cesserà l’esistenza del povero sulla terra. Ognuno nasce sotto la sua stella e il destino è una ruota che gira. La Legge ha previsto la “correzione” degli uomini e dagli uomini.

Perciò ha detto di dare la decima. Se tutti dessero la decima non scomparirebbe il destino povero, ma scomparirebbe la povertà. Perciò non pregate futilmente, è fiato sprecato. Chiedete a Dio di perdonare i peccati e di guidarvi nel correggere gli sbagli affinché non ci siano impedimenti che bloccano la strada e che creano delle mancanze. Tutto ciò è detto per lo spirito da solo, bensì per uno spirito che si trova nel corpo.

Prima di curare lo spirito si deve curare il suo contenitore. Perciò la Sacra Legge ha detto “State estremamente guardinghi alla vostra salute”. Perciò gli ebrei hanno leggi igieniche da millenni, leggi sane e sagge per il beneficio dell’uomo, leggi che spiegano il giusto comportamento in stretta concordanza con la natura. C’è soltanto una differenza fra ebrei e gentili. I primi sono comandati, gli altri non sono comandati. Il beneficio, però, per entrambi è lo stesso, è uguale. Perciò parliamo anche delle stelle perché esse fanno parte del mondo naturale, Gesù nel Messaggio parla quasi esclusivamente allo spirito. Nel Messaggio del Vangelo Gesù quando parla con gli ebrei dà per scontato il compimento della Legge. “Non sono venuto per cambiare anche uno iota della Legge” ecc. Non intendeva toccare la “carne” della Legge. Voleva (e si sentiva come il Messaggero scelto per farlo) rinnovare lo spirito della persona che compie la legge. È vero, voleva “alleggerire” il peso della tradizione rabbinica, ma non di abrogarla. Quanto di meno di cambiare la Sacra Legge della Torà. È anche apparente dalle parole di Gesù che non parlava agli ebrei soltanto. Aveva la certezza che il Messaggio si diffondeva in tutto il Mondo, e perciò parlava con lo “spirito” delle nazioni. Per la correzione dello “spirito” delle nazioni era necessario che le falsità del suo tempo venissero “corrette” in campo ebraico. Perciò usò la questione farisaica come mezzo nei suoi discorsi. Ora che parliamo dei Segni finali della Redenzione, è assolutamente necessario parlare della “correzione” dello spirito. Ma si tratta della correzione in entrambi i campi, ebraico e cristiano. Le parole di Gesù quando parlò contro i farisei del suo tempo sono fondate e degne di studio. Tutti gli sbagli terrificanti che la storia ha commesso basati sulle interpretazioni velenose dei nemici di Israele è un argomento da mettere da parte qui.

Se non si fa così, uno si confonderà fra le parole e il risultato storico. Perché guardate la pagliuzza nell’occhio degli altri e non vedete la trave nel vostro occhio. Siete il sale della terra. Dovete rendervi di “gusto” e di “completamento” a tutta la terra. Perché guardate ciò che entra nella bocca e non guardate ciò che esce dalla bocca, quando essa è il vero male. Ciò che entra nella bocca è per la salute del corpo, ma le maldicenze sono la rovina del mondo. Il peccato della malalingua reca un danno molto più grave. Parlare male di un altro è come uccidere, Dio ci salvi. E così via la rabbia di Gesù contro ciò che ha visto nei “religiosi” del suo tempo. E se non esistesse purtroppo anche oggi in certi gruppi “ultrareligiosi” avremmo fatto a meno di parlarne. E se non fossero usciti i Segni veri degli ultimi tempi, in merito allo Tzadik, Ha-Morì Haim, ebreo puro dello Yemen, non avremmo aperto il discorso. Ha-Mori Haim diceva sempre: “Meglio non parlarne. Se noi sputiamo, su di chi noi sputiamo, su di noi stessi? Meglio non parlarne. Gli sbagli della storia duolano il cuore e la mente”. Ora, però, c’è permesso di scrivere anche noi ebrei come popolo abbiamo sbagliato troppo nel corso dei secoli.

Con tutta la Sacra Torà che abbiamo ricevuto, con tutte le leggi giuste dalla tradizione talmudica e orale, con tutta la nostra intelligenza e le nostre capacità, non siamo arrivati alla perfezione di poter dire, “non possiamo sbagliare”. Anche Aharon, il Grande Sacerdote, fratello maggiore di Mosé, è caduto in errore nel tragico episodio del vitello d’oro.

Non è nostro scopo, spiegare tulle le parole di Gesù. Ora spieghiamo meglio perché è necessaria ed il lettore capirà meglio.

Perché ci occupiamo del Vangelo e del “Nuovo Messaggio” che ha portato la cristianità? Principalmente è a scopo di correzione. I cristiani ora si potranno spogliare da tutte le idee della deificazione di un uomo, non devono lasciare, però i giusti insegnamenti di Gesù nel Vangelo. Non è necessario che smettono di considerare Gesù come Messia, nel senso di “messaggero” per le nazioni. Le nazioni hanno ricevuto le notizie della Rivelazione a Sinai tramite il Vangelo.

La correzione sta nell’insegnamento che non era mai stato inteso da nessuno che seguiva la tradizione ebraica che l’Unto mandato venga lodato e adulato e adorato. Chi ha mai detto che si deve dare tale onore al Messia? E come farebbe un Messia ad accettare su di sé un tale onore se è un uomo giusto? Il Vangelo riporta che il satana tentò Gesù dicendogli di inchinarsi a lui in scambio di tutto l’onore e la ricchezza del mondo. Gesù rispose con le parole del secondo Comandamento, “non inchinarti ad essi (altri dei) e non servir loro”.

Questa parola non è stata rispettata in tutta la cristianità. E tutto per una dottrina uscita dalla mente umana. A questa dottrina, però, esiste la correzione perché esiste il Secondo Comandamento con la giusta spiegazione della vera fede monoteista. E perché esiste la mente umana che può superare le restrizioni di un dogma e strapparne via i legami imprigionanti del pensiero idolatro, quando capisce e crede che le restrizioni del Secondo Comandamento sono molto più forti e tengono la loro forza sempre perché Divine.

I primi due Comandamenti sono eterni come la storia dell’uomo. Esisteranno e chiariranno la verità della Fede fino a quando esisterà l’uomo sulla terra. La pura Fede ebraica rappresenta una grande elevazione per i cristiani. E non lo è forse per gli ebrei. La correzione condanna ugualmente le false dottrine contenute nello Zohar e tutto il seguito letterario e storico di tutte le Scuole Mistiche e Messianiche che coprono l’ebraismo di un velo nero che non gli appartiene. Non soltanto i cristiani hanno sbagliato. Ora riprendiamo. Il momento storico della Cristianità è certamente un momento importante per tutto il proseguimento della storia umana. Sembra che lo spirito di Paolo di Tarso abbia parlato il vero, con la differenza che egli stesso non capì bene ciò che ha detto.

Era già totalmente coinvolto nello spirito di Gesù, per poter “vedere” il vero risultato storico. In questo passaggio Paolo, meglio lo spirito di Paolo, perché certamente era uno spirito che parlò. Chiamatelo ispirazione se volte, ma è sempre uno spirito che spiega il “disegno storico”. Dice ai nuovi adepti cristiani di non permettersi di credere che siano migliori degli ebrei che si sono rifiutati di ricevere il Nuovo Messaggio.

È un momento, dice Paolo, di cecità momentanea per il popolo di Israele. Ma ciò è anche voluto dall’Alto. Se loro avessero accettato Gesù come il Messia, l’avrebbero voluto forse tenere per sé. Se fosse il Messia degli ebrei, sarebbe stato ancora impossibile rompere le barriere fra la purezza della Fede da Sinai e l’ignoranza e la lontananza dei popoli. In una parola, se Gesù fosse stato il Messia degli ebrei, le nazioni non avrebbero accettato Gesù come il Messia. Perciò in quel momento storico era anche necessario che gli ebrei non l’accettassero.

Ma non credete che voi siete migliori. È una cecità momentanea affinché le nazioni possano entrare in pieno. Perciò state attenti, il loro rifiuto avviene in un momento di disgrazie per loro, ma questo rifiuto rappresenta una salvezza per voi e un momento di grazia, perché così siete voi a ricevere il “Nuovo Messaggio”.

Se loro, dunque, sono trattati come nemici nel Vangelo, non dimenticate che loro sono sempre il popolo scelto ed il popolo amato per amore dei padri, Abramo, Isacco e Giacobbe e sono il popolo del Patto il quale è irrevocabile. Quando tutti i Gentili saranno ammessi, continua Paolo, tutto Israele sarà salvato, in accordo con la scrittura. Da Sion verrà il Redentore, toglierà l’iniquità da Giacobbe.

È questo il Patto che darò loro quando toglierò i peccati. Nel diffondere il Vangelo sono trattati come nemici di Dio per amor vostro, ma la scelta di Dio rimane, ed essi sono i suoi amati per amore dei Patriarchi. Poiché i doni della grazia di Dio e la Sua vocazione sono irrevocabili”. Che parole immense! Se tutti i cristiani del mondo leggessero questo passaggio per quello che dice senza pregiudizi, si meraviglierebbero tanto, come sono passati quasi due millenni e nessuno dei cristiani abbia mai visto ciò che è scritto qua.

Le solite distorsioni della cristianità hanno accecato gli occhi momentaneamente (per due millenni) affinché non si capisse di che si tratta. È ora di rivedere la questione, ora che siamo al traguardo ed i veri Segni Completi di quella Redenzione aspettata da sempre insieme con il Messaggio della Stella di Cristo. Paolo dice dunque che prima della Redenzione, sarà necessario che i Gentili vengono ammessi in pieno. Certamente Paolo non sapeva quando ciò avverrà o quanto tempo ci vorrà ma non avrebbe pensato che ci volesse poco tempo. L’espressione “vengono ammessi” è da decifrare. Paolo proibì ai nuovi adepti di circoncidersi con questo ragionamento. Se voi vi circonciderete sarete automaticamente nel Patto Antico e sarete obbligati in tutta la Legge della Torà. Non intende dunque che le nazioni devono essere ammessi nell’Antico Patto, bensì nel Patto Nuovo di Gesù.

Tramite la fede nel Nuovo Messaggio saranno ammessi alla grazia di Dio. Perciò Paolo ribadisce che non si debba dimenticare mai che il popolo di Israele è amato da allora e per sempre. Perché senza di loro non c’è la radice e non c’è la fine. La fine vuol dire la Redenzione stessa, quella Redenzione che coinvolge sia Israele che i Gentili.

Ma il Redentore viene da Sion, è ebreo. La radice non può mancare. Egli toglierà il peccato da Giacobbe. Quale peccato? Quello di non aver ricevuto il Nuovo Messaggio. La completezza del concetto comincia a prendere forma. Cerchiamo di comprenderlo.

Paolo aveva già detto agli ebrei che non erano stati capaci di rinnovarsi nella fede delle parole dei Profeti. C’è qui purtroppo una verità storica. Perché Iddio, Benedetto Egli Sia, ha tolto i Profeti dopo Malachia? Appunto perché non avevano ascoltato le loro parole. Iddio aveva mandato loro per avvertire e per ammonire. Ma non hanno ascoltato le lezioni Divine che venivano loro mandate.

L’ultimo mandato fu Malachia. Con lui si conclude il Libro dei Profeti, e le sue ultime parole di “profezia” propria che Israele ha ricevuta, “Ricordate la legge di Mosé, il mio servo, al quale detti, sull’Oreb, gli statuti e le norme di giustizia per tutto Israele. Ecco che io invierò il Profeta Elia, prima che giunga il giorno grande e terribile del Signore.

Convertirà il cuore dei padri verso i figli e il cuore dei figli verso i loro padri; di modo che, venendo io, non abbia a colpire il paese di anatema”. Questa profezia era forse quattrocento anni prima della distruzione del Secondo Tempio. Il giorno grande e terribile non può essere per gli ebrei di allora che la distruzione del Secondo Tempio e poi il lungo ed amaro esilio che segue. È dunque, chiaro che il Profeta Elia doveva arrivare per avvertire prima di quella distruzione. Dove erano i Saggi di Israele. Perché non hanno saputo, perché non hanno ricevuto nessun messaggio di avvertimento e della salvezza. Perché quando Gesù ha chiesto agli ebrei se il Sabato è stato creato per l’uomo o l’uomo per il Sabato, i Saggi non sapevano cosa rispondere.

Gesù, però, sapeva e l’ha detto, “il Sabato è stato creato per l’uomo” e non viceversa. Il tempo era basso. Lo stato spirituale del popolo era bassissimo. Non c’era nessuno, purtroppo, in grado di ricevere un messaggio del Profeta Elia.

Se fosse venuto e avesse detto loro, “Eccomi, sono qua, ascoltate il messaggio che vi porto”, l’avrebbero schernito, Dio ci salvi, non avrebbero ascoltato. La storia è triste. Per gli sbagli degli uomini. Ma nel lungo andare la storia si rivolse perché Divina. Gli ebrei non si sono rinnovati nella fede rinnovata dai Profeti. Non era in grado di ricevere nuovi messaggi. Come avrebbero potuto insegnare il Messaggio Divino della Sacra Legge alle nazioni. Il Profeta aveva ricevuto l’ordine seicento anni prima, “Io, Iddio, ti ho chiamato per la giustizia, ti ho preso per mano, ti ho formato e ti ho messo nel Patto del popolo per essere una luce alle nazioni. Per aprire gli occhi ai ciechi, per far uscire i prigionieri dalle carceri e dalle prigioni coloro che giacciono nelle tenebre. Io Sono Iddio, questo è il Mio Nome, il Mio Onore non darò ad altro dio, né la Mia Lode agli idoli.

Le prime Profezie si sono avverate, ed ora dichiaro cose nuove, ancora prima che sboccino ve le annunzio. Cantate a Dio un canto nuovo, la Lode fino alle estremità della terra, coloro che salpano nel mare e tutta la sua ampiezza, le isole e tutti i loro abitanti? Seicento anni prima della distruzione del Secondo Tempio? Se non arrivasse uno pronto a tutto, pur di non rompere la sonnolenza profonda del tempo, non ci sarebbe stata nessuna Luce per le nazioni. Perché Gesù? Ora sveliamo qualche fatto di storia nella vita di Gesù. Un fatto assai triste non pervenuto in altri testi. Prima ancora di entrare nella scuola degli Esseni, Gesù era stato fra gli allievi dei Farisei, studiando con loro tutta la tradizione orale. Gesù era figlio di Maria e di Giuseppe. Gesù è nato qualche mese dopo il matrimonio dei genitori. Anni dopo, quando Gesù studiava già sotto i Farisei, qualcuno fra gli altri allievi ha cominciato a mettere dei dubbi sulla “purezza” di Gesù e della possibilità che non conobbe il suo vero padre. Gesù era stato un allievo estremamente serio e intelligente. Era molto amareggiato da questo trattamento e della completa mancanza di sensibilità dalla parte dei custodi della Legge. Non c’era “ed amerai il tuo prossimo come te stesso”.

Cosa aiutano i dettagli quando manca l’essenziale? Perché non consideravano l’onore della persona. Non avevano insegnato i Saggi che il rispetto e il buon comportamento con tutte le persone, vengono prima di ogni studio della Torà, e che tutto lo studio della Torà non vale niente se non c’è questo. Perché ora parlare male e pensare male, quando i Saggi avevano detto, “Certamente di trovare il merito in ogni persona”. Perché ora far uscire un cattivo nome sulla persona del suo padre e della sua madre e su di lui.

Quando una persona vuole bene ad un altro, il suo sentimento di amore non desidera vedere nessuna cosa vergognosa nell’altro.

L’amore copre e vede solo il bene. Uno degli allievi disse a Gesù davanti agli altri, “Tu non sai neanche chi è il tuo vero padre”. La risposta di Gesù era questa, “Non ha detto la Torà che noi siamo figli di Dio, Altissimo. Il mio vero Padre dunque è il tuo vero Padre, perché Padre di tutti noi. Se voi offendete me, offendete anche il mio vero Padre. E siccome il mio Padre è il Padre di tutti noi, il mio Padre mi difenderà contro la vostra violenza e la sua ira cadrà su di voi”. Questo è l’episodio che ha più influenzato la missione di Gesù. Dopo di questo, lasciò la scuola dei Farisei e si dedicò alla vita ascetica e contemplativa degli Esseni che si trovavano sulla sponda del Mar Morto. L’episodio menzionato spiega anche l’insistenza di Gesù nel chiamare Dio, il mio Padre. Spiega anche il rancore di Gesù contro gli atteggiamenti dei Farisei di allora. E spiega perché andò dagli Esseni. Piangete cieli e rattristati terra per due millenni di confusione cristiana e per tremilacinquecento anni di testardaggine ebraica. La storia è triste. Quando Gesù fu trattato così si era rivolto a Dio in sua difesa. “Sono o non sono figlio tuo, come loro”. La preghiera di Gesù fu accolta. Fu decretato dal di sopra, “il tuo nome andrà in tutto il mondo, farà sapere che tu Mi hai chiamato Padre e che Io sono tuo Padre ed il Padre di tutti gli uomini se mi chiamano Padre e se aspettano da Me la misericordia come l’amore ancora più forte di una madre per il figlio.” La verità non conosce favoritismi. Se c’è uno che accoglie e colui è pulito e degno di riceverla, non conosce i limiti di razza o di linguaggio o di età. Ma guai a colui che parla la verità, perché all’inizio sarà odiato da molti e apprezzato da pochi. Alla fine, però, verrà compreso e apprezzato per quello che ha detto. Era il periodo storico quando il “giro” della Stella di Abramo, un “giro” di quattromila anni, era a metà strada. Era un momento nel quale si doveva “rinnovarsi” la Stella di Abramo per “alimentare” la fede dei Gentili per rendere possibile la Redenzione Finale alla fine degli “ultimi” giorni promessi? Chi sarebbe stato il ricevitore di quel messaggio era dipeso dal “merito”. Ora la storia ha raggiunto un punto che le cose del passato non si ripeteranno. Il periodo degli ultimi giorni è diverso da tutti quelli precedenti. La magnitudine degli avvenimenti sarà della stessa misura raggiunta dalla tecnica moderna. E tali avvenimenti si svolgeranno a una velocità mai verificatasi nemmeno nei sogni. Arrivano guerre, calamità, carestie, terremoto, morte e sangue. C’è un momento storico che si chiama “giorno del Signore”. Non è un giorno. È un giorno di storia. Potrebbe durare anche qualche anno. Dio ci salvi! Di giorno si spererà che arrivi la sera, forse ci sarà calma. Di sera si spererà che arrivi la notte, forse ci sarà calma. Di notte si spererà che arrivi l’alba, forse ci sarà la calma. E la calma non viene.

Molti miracoli avverranno in quel giorno, specialmente al livello individuale. Chi ha fede vedrà. Chi non ha fede non vedrà. C’è un momento nella storia che si chiama il giorno del Signore, un giorno terribile, orribile, buio, amaro. La morte chiamerà dalla strada. Nessuno potrà uscire per raccogliere i cadaveri e per seppellirli. Si dovrà chiudere la finestra dall’aria puzzolente dei cadaveri e per paura della pestilenza. Si dovrà stare dietro le porte per paura dei ladri che cercano da mangiare. Il cibo scarseggerà. I viveri rappresenteranno la vita o la morte. C’è un giorno quando Iddio, per così dire, dice basta alla cattiveria del cuore.

Un giorno quando tutti gli uomini che spendono i loro giorni nel desiderio del denaro che non considerano i poveri ed i bisognosi, e altri che rubano pur di avere di più, saranno spazzati via dalla faccia della terra. Beati i poveri e gli umili poiché essi erediteranno la terra. Non è per niente che i Saggi hanno detto del periodo degli ultimi giorni, Beati chi non l’ha visto, ma beati coloro che sono sopravvissuti e hanno visto il bene che arriva dopo. Non credete che ci sarà una guerra atomica. Non ci sarà. Iddio non lo permetterà. Una guerra nucleare è troppo facile e troppo veloce e non risolverà lo scopo Divino di questa guerra che arriva. Questa guerra sarà diversa. Non sarà come le altre. Il tempo terribile che arriva è anche designato la separazione fra i gabbiani bianchi e i gabbiani neri. È la vera guerra di cui parlavano gli Esseni dagli studi segreti che avevano dai Profeti. La guerra della Luce e del male. Toccherà ad ogni individuo di pentirsi e di pregare per sé. Nessuno oserà in quel tempo pregare per un altro. Chi meriterà sarà salvo. Chi non meriterà non sarà salvo. Due si trovano nello stesso letto. Uno si alzerà al sole del giorno e l’altro andrà alla perdizione. La separazione fra i gabbiani neri ed i gabbiani bianchi. Ecco perché il Regno dei Cieli sarà nel cuore di ciascuno che lo meriterà. Non sarà come la seconda guerra mondiale. Quella era un “decreto”. Quando si dà permesso al “distruttore”, più non si distingue fra il giusto ed il malvagio. Ma la guerra degli ultimi giorni sarà condotta dal Signore in un modo di vicinanza per salvare i buoni. Ci saranno anche tanti miracoli. Chi meriterà nella fede e soprattutto nella bontà vedrà e capirà. Raccoglietevi bene nella vostra mente. Mettetevi in linea con la vostra persona. Cercate con le vostre forze di meritare alla fede in ciò che stiamo dicendo. Non esce da un uomo. Non sono pensieri o opinioni. I Segni che sono arrivati stanno parlando.

Raccontano ciò che arriverà. Non riposatevi sull’ indifferenza. Non fate una mossa con la mano per dire “che interessa a me”? Intere famiglie saranno scappate via. Lignaggi odiati scompariranno da sempre. Il giorno del Signore non è giorno degli uomini. Ascoltate le parole che vi annunziamo. Vengono soltanto per aiutarvi. Sono per il vostro bene. Non guardate la storia passata.

Tutto è diverso negli ultimi giorni. La guerra del Signore è una guerra della purificazione. Ora c’è una cosa che dovete sapere, non prendetela alla leggera. Vi parliamo anche in nome di Paolo di Tarso. Ricordate bene che il popolo di Israele ha già sopportato la sua croce nella seconda guerra mondiale. Le terribili maledizioni predette dalla Sacra Torà si sono già scontate in quella guerra nefasta. Quella guerra non era soltanto un “decreto” di un “certo” periodo. Era un “decreto accumulato” da tanti secoli per purificare Israele sufficientemente per ricevere l’introduzione alla nuova epoca nella formazione dello Stato di Israele. Molte profezie si sono già verificate con questo nuovo Stato. Il ritorno a Sion è reale. Perciò ricordate Israele con amore, poiché la sua sofferenza rappresenta la salvezza dell’umanità. Non c’è la Redenzione se non c’è Israele, e non c’è il punto fermo del popolo di Israele se non c’è anche il suo stato. Ricordate Iddio, Benedetto Egli Sia, ama il suo popolo scelto, per amore dei Patriarchi e per amore di Mosé. Per amore della Sacra Legge che essi hanno sopportato durante questi tre millenni e mezzo. Non confondete l’ira Divina contro Israele con le vostre idee meschine ricavate da parole misinterpretate versate nel calice dell’odio velenoso e dato da bere ai popoli per due millenni. L’ira Divina contro Israele è un rimedio per tutto il mondo. Senza la purificazione di Israele è nota e la sua testardaggine è famosa.

Ma non è senza motivo che Iddio l’ha scelto e amato e chiamato suo. Ora voi cristiani non guardate la carne bensì lo spirito. Quale altra nazione avrebbe potuto sopportare il peso della Santità prescritta nella Torà, per tre millenni e cinquecento anni. Voi dite che è difficile essere un buon cristiano ma non immaginate le difficoltà nel rimanere buoni ebrei in tutti questi secoli passati. Non era forse Paolo preoccupato che i nuovi adepti non si circoncidono per non essere sotto il giogo della Legge. Perché sapeva che tale peso lo dovevano sopportare gli altri. E tutto questo peso lo dovevano sopportare perché alla fine ci deve essere il compimento di tutte le profezie e la Redenzione Promessa per il mondo. Perciò mettetevi in uno spirito di amore verso Israele e questo spirito sarà amato da Dio, come l’amore di un padre per coloro che amano il suo figlio. A voi cristiani il concetto non dovrebbe essere lontano. Soltanto che eravate così occupati nell’adulare un figlio, che non vi siete ricordati che Iddio, Benedetto Egli Sia, ha già decretato nella Sua Sacra Legge, “Mio figlio, mio primogenito, Israele”.

Credete ciò e sarà meglio per tutti. Israele senza alcun dubbio è stato anche un popolo testardo in quasi tutta la sua storia, ma qualsiasi altra nazione non avrebbe potuto sopportare il peso della Sacra Legge nemmeno per cinque minuti. Non esiste chi sa scegliere meglio di Dio che vede il passato, il presente ed il futuro in uno. Ha scelto il popolo di Israele per essere colui che sopporta il peso. Perciò ricompensa Israele di essere per prima a mangiare il pane degli uomini. E se questo Popolo non lo mangia per prima nessuno lo potrà ricevere. Il Salvatore verrà da Sion, toglierà il peccato da Giacobbe, e questo è il Patto che gli darò. Perciò il Salvatore non può non essere del popolo di Israele. Non può il Redentore non essere ebreo e circonciso. Non farà però differenza nel suo amore per ogni essere umano ebreo o non ebreo.

È soltanto che il discorso con gli ebrei è spesso più duro perché essi sono comandati, mentre il discorso con i cristiani è spesso più dolce e amorevole perché essi non sono comandati e fanno il bene per trovare favore agli occhi del Signore. Le citazioni di Paolo di Tarso succitate non possono correggere certi errori. Qui lo diciamo in breve, ed altrove (nella discussione della Chiesa Rinnovata) lo spiegheremo più a lungo, se Dio vuole. È verissimo che anche le nazioni che hanno una discendenza da Abramo sono state potenzialmente eredi del Patto di Abramo in quanto egli è Padre di una moltitudine di nazioni. Abramo infatti ha fatto circoncidere tutti gli appartenenti alla sua casa.

Scarica il documeto in pdf

http://www.casapreghiera.it/wp-content/uploads/2019/05/190521-SPIEGAZIONE-DEL-SEGNO-DELLA-FINE-DEI-TEMPI.pdf

Scarica il documento in WORD

http://www.casapreghiera.it/wp-content/uploads/2019/05/190521-SPIEGAZIONE-DEL-SEGNO-DELLA-FINE-DEI-TEMPI.docx

Lettera agli ebrei di tutto il mondo

Fratelli Ebrei,
un sacerdote NON È PER SE STESSO, MA È PER GLI ALTRI.
Voi siete un popolo di sacerdoti, siete i sacerdoti per il mondo. Avete avuto la responsabilità dal Dio Uno, il Santo d’Israele, di portare la conoscenza ricevuta al Sinai a tutta l’umanità. Ricordate che Mosè nostro Maestro prese la moltitudine mista sotto la sua responsabilità, senza neanche chiedere al Signore, perché era certo che la Sua volontà era di portare la Redenzione e la conoscenza del Dio Uno a tutti i popoli.
Per tutti questi secoli avete tenuto chiusa questa conoscenza, non avete svolto il vostro ruolo per l’umanità, non avete portato con amore al mondo la conoscenza del Dio Uno. Siate seri e rigorosi con voi stessi su questo punto così come lo siete su tutte le particolarità della Legge, e vedrete che questa verità non potete e non dovete negarla.
Vi siete chiusi anche per tutte le persecuzioni che avete dovuto sopportare, perché si è sempre osteggiati quando si porta la Volontà del Dio Uno.
Ma Iddio Benedetto Egli Sia ha chiuso la vostra comprensione per tutti questi anni e non vi ha fatto vedere un semplice verità. Riprendete il Salmo 110, ristudiatelo, approfonditelo e cercate di comprenderlo. Se non lo vedete riconsiderando un vostro illustre fratello ebreo, non arriverete mai e la responsabilità sarà solo vostra. Su chi dovete porre lo sguardo, riconsiderando con amore e benevolenza ciò di cui lui ha parlato del Disegno Divino con profondissima conoscenza e con linguaggio che allora non poteva essere compreso? Un uomo che è sempre stato all’interno del Secondo Comandamento. Un uomo che non ha mai fatto nulla di sbagliato. Un uomo che ha subito prima di voi e come voi le stesse falsità, le stesse calunnie e le stesse sofferenze che avete subito voi, ma senza avere il vostro appoggio, l’appoggio del suo popolo anzi, che Dio ci salvi, ha subito il vostro anatema: YESHUA, Gesù di Nazareth. Non storcete il naso, non pronunziate parole vane ora. Il Gesù “cristiano” che voi conoscete comunque a malapena non porta il Messaggio di Yeshua l’ebreo. Il Gesù cristiano è un messaggio sbagliato, ma è il messaggio che domina nel mondo, che vi fa paura, che sperate e pregate non si riaccenda contro di voi. Questo non deve succedere, e non succederà ma voi dovete capire il Disegno Divino e capire che non dovete continuare a chiudervi come avete sempre fatto, perché il Dio d’Israele, l’Assoluto Uno, ha messo il mondo ai vostri piedi.
Come?
Chi domina nel mondo cristiano? Chi domina nel mezzo dei suoi nemici? Un ebreo: Yeshua.
Avete paura e terrore dell’assimilazione, avete orrore del solo nome di Gesù, ma non capite che è quella la chiave che Iddio ha posto in mano al Suo popolo per essere il Sacerdote dell’Umanità. Oggi, che le profezie della fine dei tempi, del tempo Messianico, si stanno iniziando a verificare, oggi i migliori fra di voi devono ergersi al di sopra dei secoli di buio e sofferenza e devono guardare  con occhi nuovi al Messaggio di quell’uomo di duemila anni fa. Devono capire che era un uomo di Dio e devono riconoscere la verità della Volontà di Dio su di lui. Oggi dovete riconoscere, comprendere, gustare l’ebraicità di Yeshua, e solo così potrete farla entrare nei cuori dei vostri fratelli cristiani, solo così potrete riaccendere di gioia le anime delle dieci Tribù disperse che si trovano nel campo cristiano e solo così inizierete a porre rimedio all’errore di Giacobbe nostro padre.

http://www.casapreghiera.it/wp-content/uploads/2019/05/LETTERA-AGLI-EBREI-DI-TUTTO-IL-MONDO.pdf

Il Messaggio di HaShem per la costruzione della Chiesa Universale

Scarica il documento in formato PDF

Matteo 7, 21 – 29

“In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: “Non chiunque mi dice: “Signore, Signore”, entrerà nel Regno dei Cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli. In quel giorno molti mi diranno: “Signore, Signore, non abbiamo forse profetato nel tuo nome? E nel tuo nome non abbiamo forse compiuto molti prodigi?”. Ma allora io dichiarerò loro: “Non vi ho mai conosciuti. Allontanatevi da me voi che operate l’iniquità!”. Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, sarà simile a un uomo saggio, che ha costruito la sua casa sulla roccia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ma essa non cadde, perché era fondata sulla roccia. Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, sarà simile ad un uomo stolto, che ha costruito la sua casa sulla sabbia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa cadde e la sua rovina fu grande”. Quando Gesù ebbe terminato questi discorsi, le folle erano stupite del suo insegnamento: egli infatti insegnava loro come uno che ha autorità, e non come i loro scribi.” …

La Casa di Avraham

Shalom a tutti.
La Casa di Avraham non è una religione.
La Casa di Avraham non è una setta.
La Casa di Avraham è una ASSOCIAZIONE.
A questa Associazione possono partecipare tutti: ebrei, cristiani, islamici e tutte le persone di qualsiasi credo.
Nella Casa di Avraham un ebreo rimane un ebreo, un cristiano rimane un cristiano, un islamico rimane un islamico e così via. Nella Casa di Avraham si studia qual è, perché esiste, la comune radice nel Dio Unico che è il vero collegamento che permette di poter riconoscersi realmente fratelli gli uni con gli altri, di poter parlare e comprendersi sui temi veri che oggi invece dividono: il ruolo d’Israele, di Gesù di Nazareth, del Corano, del Tempio, etc.
L’obiettivo della Casa di Avraham è la PACE
Per questo affermiamo che il Terzo Tempio, oggi, nessuno può costruirlo.
Il Terzo Tempio è solo il suggello alla PACE che bisogna raggiungere PRIMA della sua costruzione.
Prima del Terzo Tempio ci deve essere la Riedificazione di Gerusalemme. Questo significa che il luogo simbolo per le religioni abramitiche deve tornare ad essere unita in un’unica fede, quella di Abramo Nostro padre, nel Dio Uno, in El Shaddai.
Colui che costruirà il Terzo Tempio è il Principe della Pace nella Luce e lo Splendore di Zerach. Non può essere il Terzo Tempio fonte di guerra, scaturigine di conflitto, pretesto di massacro, Dio ci salvi.
Lo studio, le scritture, la storia recente (la passeggiata di Sharon sulla spianata) e soprattutto il buon senso indicano con chiarezza che il Terzo Tempio sarà il punto di arrivo, questa volta per tutta l’umanità, del Disegno Divino per la Pace finale fra tutti i popoli.
Chi afferma il contrario o è un folle o è in malafede.
Shalom

Chi siamo

CASA DI AVRAHAM

La CASA DI AVRAHAM è una Associazione Culturale Religiosa fondata dal Morè Carmine Davide Delle Donne ed è aperta al contributo ed alla partecipazione di tutte le persone che con animo sincero desiderino operare nell’Unicità di Dio per la comprensione reciproca, la pace e la fratellanza fra tutti i popoli.

Scopo principale della Casa di Avraham è poter portare a conoscenza di tutti gli altissimi studi a livello della Kabbalak Maassit che da circa quarant’anni vengono effettuati dal Morè con la partecipazione dei suoi allievi; studi che consentono, grazie al Messaggio ricevuto, di poter assumere un ruolo di collegamento fra i diversi campi religiosi, nel rispetto di ognuno.

Crediamo nell’unico Dio, il Creatore dell’Universo: Ado-nai Eloheinu, Ado-nai Echad. Siamo convinti che, in umiltà, ebrei, cristiani, musulmani e tutti gli uomini e le donne debbano riconoscere i propri reciproci errori, affinchè venga resa Giustizia alla Storia.

Non dipendiamo in nessun modo da qualsiasi organizzazione politica o religiosa Cristiana, Ebraica, Musulmana o di altra fede.

Non vogliamo creare una nuova religione, non vogliamo e non cerchiamo proseliti.

Le chiavi ricevute nello studio indicano le strade per la riconciliazione.

…SCARICA IL DOCUMENTO COMPLETO IN PDF

 

 

 

 

CASA DI AVRAHAM – Chi siamo

La Grande Israele: le dodici tribù riunite come al tempo del Re David

Annuncio:

Shabbat shalom!

Gli allievi della Casa di Avraham di Trani (BT) in questo giorno di Pace, fratellanza e condivisione testimoniano del lavoro di circa quarant’anni che il Maestro Carmine Davide Delle Donne H-YACH MESHCRY EL ZERACH-H SHALOM porta a conoscenza nei suoi scritti sulla Riedificazione di Gerusalemme e Riunificazione  del popolo Ebraico con il ritorno delle dieci tribù dei figli di Israele (la pecora smarrita della casa di Israele) che saranno unite alle tribù di Giuda e Beniamino (gli ebrei nella carne di oggi) per la Grande Israele. Questo è il grande progetto a cui il Maestro sta lavorando, percorrendo una strada diritta e bianca senza mai deviare né a destra né a sinistra. Arrivati a questo momento, il Maestro chiede, oltre al nostro appoggio, al popolo Ebraico Unito (senza le divisioni che oggi lo lacerano) di lavorare al progetto della Grande Israele. Le dodici tribù riunite come al tempo del Re David.

Shalom