ASSOCIAZIONE CULTURALE RELIGIOSA EBRAICA

CASA DI AVRAHAM

CASA DI PREGHIERA PER TUTTI I POPOLI

 Morè (Maestro) CARMINE DAVIDE DELLE DONNE

H-YACH  MESHCRY  EL  ZERACH-H  םולש

מ

ו

ל

ש

ה

ח

ר

ז

ל

א

י

ר

כ

ה

ז

ע

מ

ק

א

י

ה

Noi, gli allievi del Morè H-YACH  MESHCRY  EL  ZERACH-H  םולש, testimoniamo gli studi e le parole del nostro Maestro:

“È arrivato il tempo, ed è questo, di riedificare Gerusalemme.

È arrivato il tempo, ed è questo, in cui il popolo ebraico deve ricostruire il Terzo Tempio in Gerusalemme.

È arrivato il tempo, ed è questo, della riunificazione delle dodici Tribù dei figli d’Israele.”

Tutte le chiavi messianiche e redenzionali sono nelle mani del Morè Carmine Davide Delle Donne. Tutta la Terza Redenzione Finale è nelle mani di ha Maschiach ben David.

ISAIA 53, 1-12

Chi avrebbe creduto a quello che abbiamo udito, il braccio del Signore su chi si è manifestato? È salito come un germoglio davanti a Lui, come una radice da terra arida, non ha figura né bellezza da esser veduta, né visione da essere desiderata.

Disprezzato e abbandonato dagli uomini, uomo di dolori, esperto di sofferenze, come colui dinanzi a cui ciascuno nasconde la propria faccia, disprezzato e non lo avevamo stimato e preso in considerazione. Invero egli ha sopportato le nostre malattie ed ha sofferto i nostri dolori e noi lo ritenevamo piagato, colpito da Dio ed umiliato. Ed egli è stato colpito per le nostre colpe, abbattuto per i nostri peccati, il castigo su di lui è pace per noi, e la sua ferita guarigione per noi. Tutti eravamo come pecore, ognuno si è volto verso la propria via, e il Signore ha colpito su di lui i peccati di tutti noi. È stato oppresso ed egli si è umiliato, e non ha aperto bocca, come la pecora portata al macello, e come l’agnello ammutolito davanti ai suoi tosatori, egli non apre bocca. Con violenza e ingiustamente viene preso, e dei suoi contemporanei chi ne parlerà? Poiché è stato reciso dal paese dei viventi, per la trasgressione dei popoli è stato colpito. Egli avrebbe dovuto avere comune la tomba con gli empi, la morte col ricco, egli che senza violenza ha agito e non vi era inganno nella sua bocca. E il Signore volle che la malattia lo piagasse, quando egli offrì la sua persona come sacrificio per la colpa; (egli) vedrà la discendenza, si prolungheranno i suoi giorni, e il volere del Signore si compirà per mezzo suo. Libero dal tormento vedrà e si sazierà, per la sua conoscenza il Mio servo giusto giustificherà molti, sopportando le loro colpe. Perciò Io darò parte a lui fra i grandi, e assieme ai potenti spartirà la preda, in cambio che egli ha offerto alla morte la sua persona e si è fatto annoverare fra i trasgressori, ed egli ha sopportato il peccato dei molti e per i peccatori ha interceduto.

IL SEGRETO DELLA VACCA ROSSA D’ISRAELE

La Nuova Rivelazione della Redenzione Finale non è una rivelazione elaborata dall’uomo, ma è la Rivelazione del Santo d’Israele. La Nuova Rivelazione è reale e deve essere vissuta. Ogni persona, in un modo o nell’altro, riceverà Segni della Redenzione mandata da Dio tramite il Nuovo Patto. Ecco perché il verso dice: “In quei giorni effonderò il Mio spirito su ogni mortale”.

Ogni mortale, secondo la sua fede, potrà ricevere il Nuovo Spirito della Terza Redenzione Finale.

 ISAIA 61; 1, 11

“Lo spirito del Signore Iddio è su di me, poiché il Signore mi ha attratto per recare un annuncio agli umili mi ha mandato per curare coloro che hanno il cuore spezzato, per proclamare ai prigionieri la libertà, per togliere i vincoli a chi è legato. Per annunciare l’anno di grazia del Signore, il giorno di ritorsione del nostro Dio, per consolare tutti coloro che sono in lutto, per porre a chi è in lutto per Sion, e dare loro, un ornamento anziché cenere, l’olio della gioia in luogo del lutto, un manto di lode in luogo di spirito abbattuto, e saranno chiamati querce della giustizia, la piantagione del Signore onde Egli Si gloria. E restaureranno le antiche rovine, i luoghi da gran tempo desolati rialzeranno, rinnoveranno le città demolite, le desolazioni di ogni generazione. E resteranno gli stranieri e pasceranno le vostre pecore, e i figli degli stranieri saranno vostri contadini e vostri vignaioli. E voi “sacerdoti del Signore” sarete chiamati; “servitori del Signore” vi chiameranno; godrete la potenza dei popoli, e della loro gloria menerete vanto. In luogo della loro grande vergogna e onta si rallegreranno della loro parte; perciò nella loro terra erediteranno il doppio, gioia eterna sarà per loro. Poiché Io, il Signore, amo il diritto, odio il furto e l’ingiustizia, e ricompenserò la loro opera in verità, e un patto eterno Io conchiuderò con loro. E sarà conosciuta in mezzo ai popoli la loro discendenza, e la loro progenie in mezzo alle genti, tutti riconosceranno che essi sono una stirpe benedetta del Signore. Io gioisco nel Signore, giubilo nel mio Dio, perché mi ha rivestito degli abiti della salvezza, mi ha avvolto nel manto della giustizia, come uno sposo ornato di diadema sacerdotale, come una sposa adornata dei suoi monili. Come la terra produce la sua vegetazione e come un giardino fa germogliare i suoi semi, così il Signore Dio farà germogliare giustizia e lode davanti a tutte le genti.”

Scarica il documento: Annuncio messianico